Il 14 marzo 2019, l’Associazione Europea di Logistica ha organizzato nei suoi locali un’intera giornata di Focus Group in cui i professori di logistica e supply chain, i ricercatori degli istituti di istruzione superiore e gli alti dirigenti del settore logistico hanno preso parte all’evento. Molti dei partecipanti avevano profili multipli e coprivano più di un angolo del Triangolo, in particolare nel caso dell’istruzione e della ricerca.

L’obiettivo del Focus Group era valutare i risultati del progetto in modo più approfondito e formulare raccomandazioni per sostenere FRAMELOG oltre la fine del progetto. Una sfida importante per molti progetti dell’UE può essere quella di mantenere lo slancio e garantire che i risultati continuino ad avere valore e rilevanza oltre la fine dei finanziamenti europei.

A questo proposito, due rappresentanti di casi studio relativi alla collaborazione nel Triangolo della Conoscenza sono stati presentati ai membri del Focus Group per introdurre la discussione. In primo luogo, il professor Gaby Newman della Technical University of Applied Sciences, Wildau, ha parlato del programma di laurea in economia della durata di sette mesi offerto alla sua istituzione, che lavora regolarmente con le PMI, i cui impiegati possono partecipare ai loro corsi di logistica in cui sono presentati quesiti “reali” su cui gli studenti possono lavorare. Questo offre un approccio “win win” alla collaborazione sia per le piccole che per le grandi organizzazioni.
Il professor Ed Sweeney della Aston University ha parlato di una serie di iniziative di collaborazione che sono ora in offerta nella sua università. Questi includono un master part time per coloro che già lavorano in una funzione logistica a livello manageriale.

I partecipanti ritengono che il Triangolo della Conoscenza sia uno strumento potente e robusto quando applicato nel settore logistico e pertanto i partecipanti vorrebbero vederne la più ampia adozione e promozione in Europa e oltre. Tuttavia, il Triangolo sembra sia stato visto attraverso il prisma dell’educazione e della ricerca e il gruppo ritiene che il coinvolgimento delle aziende debba essere ulteriormente sviluppato in questo modello. L’idea conclusiva del Focus Group è che ad ogni parte del Triangolo dovrebbe essere dato uguale peso.